L’IVA applicata così a chi serve ?

Mi occorre porgere le scuse… anticipatamente… ad accademici e specialisti del settore anche giuristi ed esponenti o scienziati del settore … se i termini tecnici utilizzati non sono prettamente inerenti….. ma vorrei esprimere un concetto astratto e fondamentale.

L’IVA è l’acronimo delle seguenti parole Imposta sul Valore aggiunto, quale imposta colpisce il valore netto della produzione di una impresa sulla base di una aliquota che stabilisce lo stato … tralascio il senso del valore aggiunto (già base imponibile IRAP).

In sintesi…..comunque l’impresa sul valore “aggiunto” che produce (ovvero sul margine che realizza su ciò che produce sia essa presti servizi sia che essa produca beni ….paga una % (che loro determinano)…. l’aliquota % determinata da loro  oscilla … la % grava su colui che non può operare la cd RIVALSA … ovvero l’IVA che paghi non te la scali… ma soprattutto se cresce l’aliquota cresce anche il prezzo (automaticamente ormai) … quindi a mio avviso la paga il consumatore alla fine … ma soprattutto (ed è questo il vero problema) per come è pensata l’applicazione dell’IVA… ma soprattutto per calcolare l’IVA al netto della rivalsa… quanto spendiamo tra agenzia entrate commercialisti … strumenti per contrastare le frodi (reverse split FEL) … roba che serve a produrre cosa !?!? 

Personalmente ridurrei l’IVA al …. tipo 5% eliminando contemporaneamente la rivalsa (il diritto alla detrazione …. vediamo che succede … capiremo a cosa serve questa macchina infernale ?

 

Stefano Minelli

Roma 6/9/2018

Please follow and like us:
error

Lascia un commento